L'Arte Romanica - Itinerario n°3: Guardialfiera, Lupara, Ripabottoni, Petrella Tifernina, Matrice, S. Giovanni in Galdo, Toro

 A ridosso del lago artificiale del Liscione si eleva sul resto dell'abitato di Guardialfiera il campanile della cattedrale di S. Maria Assunta con un apparato scultoreo disposto lungo le mura perimetrali dell'edificio, in parte riconducibile al sec. XII. Dalla stupenda zona di Guardialfiera a Lupara dove, nel cuore del centro storico, vicinissima al castello palazzo vi è la Chiesa di S. Maria Assunta, con frammenti scultorei riconducibili al sec. XIII. Da Lupara a Ripabottoni, dove in via Ripetta n. 21, è conservato l'unico reperto romanico del paese, murato al di sopra dell'ingresso di una casa privata. Riprendendo la strada provinciale s'incontra Petrella Tifernina, che conserva uno dei maggiori monumenti dell'arte romanica nel Molise (la Chiesa di S. Giorgio Martire). Proseguendo per Matrice, nei pressi del braccio di tratturo Cortile-Centocelle è ubicata la chiesa di S. Maria della Strada, gioiello di arte romanica nella regione, edificata nei pressi delle rovine di una villa romana, parte di un piccolo monastero di Benedettini. Da Matrice si raggiunge facilmente S. Giovanni in Galdo con la chiesa di San Germano con due felini posti alla base di acquasantiere databili al sec. XIII. L'itinerario termina a Toro nella chiesa del SS. Salvatore.

ChiesaS.Giorgio3.jpg

Petrella T., Chiesa di San Giorgio