Destinazioni Turistiche - Campobasso

 La città di Campobasso, situata a 700 m. s.l.m., ha origini longobarde e, forse, esisteva già nell'VIII secolo con una propria cinta difensiva edificata sui resti di un'antica fortificazione sannita; il suo nome deriverebbe da Campus Vassorum, il luogo dove risiedevano i vassalli.

campobasso centro storico.jpg

Il borgo antico è disposto a semicerchio sul pendio del colle detto Monte, dominato dal Castello Monforte. Edificato probabilmente ad opera dei Longobardi, il castello fu ricostruito nel 1456-1463 dal conte Cola di Monforte e appare come una fortificazione quadrangolare con mura merlate e quattro torrioni angolari. Accanto al castello sorge la chiesa di San Giorgio, costruita nel X secolo su un preesistente edificio sacro, che conserva all' interno preziosi affreschi trecenteschi. Più a sud si trova la chiesa di San Bartolomeo, risalente al XIII secolo, il cui interno è suddiviso in tre navate con archi a tutto sesto.
Collocata in prossimità dell'omonima porta è la chiesa di Sant'Antonio Abate, in onore del quale il 17 gennaio viene acceso un falò nella piazza antistante. All'interno sono custodite preziose opere d'arte tra le quali l'altare maggiore del 1748 e l'organo del 1696.
Nel centro storico si trovano anche la chiesa romanica di San Leonardo, che conserva un portale con arco a sesto acuto e una monofora decorata a motivi floreali e la chiesa di Santa Maria della Croce, sede dell'antica confraternita dei Crociati. Il Museo Provinciale Sannitico, ubicato nello splendido palazzo Mazzarotta, conserva un'interessante collezione di reperti dell'epoca sannitica. Grazie al ruolo di centro amministrativo assunto nell'Ottocento, la città conobbe un'espansione urbanistica, basata su un piano di assi ortogonali, impianto che le conferì l'appellativo di "città giardino".
Su piazza Gabriele Pepe, si affacciano edifici di notevole importanza: il Convitto "Mario Pagano", con un giardino ricco di specie botaniche; il Palazzo del Governo, e più avanti, la Cattedrale, in stile neoclassico, internamente decorata con pregevoli affreschi di Amedeo Trivisonno e Romeo Musa. Accanto alla Cattedrale si trova il Teatro Savoia con la sua facciata Liberty e l' interno affrescato da Arnaldo de Lisio. 
In occasione della festività del Corpus Domini per le strade del centro, sfila la processione dei Misteri, 13 "macchine" animate da attori in costume "sospesi" nell'aria grazie a particolari strutture metalliche, realizzate nel 1748 dall'artista campobassano Paolo Saverio Di Zinno.